venerdì 1 marzo 2013

[ Biblioteca Luis Angel Arango - Diario di Viaggio ]

Buongiorno e buon fine settimana!

C'era una volta un ragazzo curioso e appassionato di elettronica e telecomunicazioni,
 lavorava nel Banco de la Republica di Colombia, 
negli anni in cui il governo aveva portato il 
primo computer, il 14.01, ad uso della banca.
Lui era l'incaricato di montarlo!
C'era anche una ragazza appassionata di libri e biblioteconomia, 
impiegata nella biblioteca Luis Angel Arango di Bogotà: era metà anni '60.
Una luminosa e fredda mattina di un mese qualunque, la ragazza doveva andare in un ufficio
della banca dove lavorava il ragazzo. 
Lui era seduto dentro il suo ufficio, concentrato nel nuovo computer da installare,
 quando un profumo delicato e floreale attrasse il suo sguardo 
verso la porta di vetro smerigliato e vide
il profilo della donna più meravigliosa e bella che mai aveva visto in vita sua.
Era lei, la ragazza, la bibliotecaria!

Uscì di corsa per vedere quale dea potesse essere, le parlò e in quel momento si rese conto che lei
sarebbe stata la madre dei suoi figli...

... il ragazzo era mio padre e la ragazza mia madre...









Questo blog è anche il mio diario di viaggio, il mio cassetto dei ricordi.
Sì, è pubblico, e forse per qualcuno potrebbe sembrare strano, ma è da tempo 
che penso che condividere le nostre emozioni sia inoltre una terapia meravigliosa.

La biblioteca Luis Angel Arango rappresenta per me il luogo dove mio padre e mia madre si
sono innamorati, quindi un posto dove magari la mia anima bambina rideva e diceva:
guarda, loro saranno i miei genitori!

C'era una volta una blogger che raccontava piccoli aneddoti in rete!

Un saluto

Cata, blogger!

[ photos by Catalina Alvarez photography ]

Ps: se volete leggere qualcosa sulla storia della biblioteca potete andare sul blog di mio marito

14 commenti:

  1. Meravigliosa la storia, meravigliose immagini e incantevole atmosfera!

    RispondiElimina
  2. Wow che meraviglia, che sogno! Raccontato con così tanta dolcezza.. Grazie per averlo condiviso, mi ha illuminato la mattina <3

    RispondiElimina
  3. Wow che meraviglia, che sogno! Raccontato con così tanta dolcezza.. Grazie per averlo condiviso, mi ha illuminato la mattina <3

    RispondiElimina
  4. Querida y preciosa Cata! Esta ves verdaderamente me hiciste llorar!! me parecia de leer un pedazito de una novela de mi amado Gabriel Garcia Marquez! Te juro que la atmosfera es la misma que se percibe en uno de sus mejores cuentos "Vivir para contarla", donde cuenta del dia en que sus padres se enamoraron!
    Un abrazo apretado,
    manu

    RispondiElimina
  5. Mi hai emozionato tantissimo e ho gli occhi lucidi intanto che commento. che meraviglia la tua storia...si perchè è l'inizio della tua storia...sarei molto orgogliosa come mamma leggere un giorno le stesse parole scritte da mia figlia..vorrebbe dire che abbiamo fatto un buon lavoro come genitori!
    Grazie Cata!

    RispondiElimina
  6. Che belle emozioni! :-D
    In biblioteca tutto è possibile!
    Super abbracci da Pistoia
    Cri

    RispondiElimina
  7. Meravigliosa,interessante,romanticissima storia di un incontro speciale,quello che più ti appartiene!
    Sento la tua emozione leggendo questo post e un pò mi commuove perchè mi riporta indietro negli anni chiedendomi,"ma come si saranno conosciuti mia madre e mio padre?"
    Le storie del primo incontro sono tutte straordinarie ed uniche.
    Ecco la commozione è arrivata!
    Grazie,Cata!

    RispondiElimina
  8. Grazie per aver condiviso queste meraviglie!
    Un abbraccio
    Elsa

    RispondiElimina
  9. Che storia romantica... Per un attimo ho chiuso gli occhi e ho visto un film dai colori delicati e con attori protagonisti di rara eleganza.. Grazie cara Cata per aver condiviso un'altra pagina del tuo intimo diario. Un grande abbraccio ed un pensiero

    RispondiElimina
  10. Il cuore si gonfia di una pioggia sottile... tutte le lacrime d'amore, di gioia, di passione, d'emozioni sanno di sale... il sale della vita... quello che conferisce sapore ad ogni più piccolo momento, anche a quello apparentemente più insignificante.
    E vedo un ragazzo appassionato di computer ed una ragazza bibliotecaria abbracciati stretti stretti, darsi il primo bacio.
    Io, spettatrice felice, ladra d'amore.
    xoxoxo Lalla... ma sempre Eulalia

    RispondiElimina
  11. Ciao Cata, ho passato le ultime due ore totalmente immersa nel tuo blog, ed è stato rilassante e rigenerante.
    È bello vedere valori, positività e un'attività lavorativa intensa, tutto in un'unica persona. Nel 2013.
    Quindi ti faccio i miei complimenti, e ti verrò a trovare spesso.
    Sarai un'ispirazione per la mia voglia di cambiamento, e per le mie attività digitali.

    RispondiElimina
  12. Per caso passavo di qui. Ho letto con gran curiosità questo post e la storia raccontata mi è piaciuta molto! Condivido con le tue ultime parole..essere blogger vuol dire anche condividere le proprie emozioni pubblicamente!

    NEW GIVEAWAY: Win a pair of glasses for you or your friend
    Perchè non partecipi? Ci saranno ben 7 vincitori :) Ti aspetto!
    Un abbraccio e buona giornata!!

    RispondiElimina
  13. Cata sei bravissima a raccontare e coinvolgerci nel tuo viaggio...viaggiare fa bene...apre la mente e aiuta a vedere oltre come la tua anima bambjna!

    RispondiElimina

Pin It button on image hover